Analisi
Jenoptik 10 anni fa - giovedì 5 aprile 2007
Si affacciano nuovi problemi

Si affacciano nuovi problemi

Prezzo al momento dell'analisi (04/04/2007): 7,70 euro

Il 2006 è stato un anno molto positivo per la tedesca Jenoptik, che ora però deve fare i conti con nuovi problemi a livello giudiziario. Ai prezzi attuali, l’azione è cara e molto rischiosa.
> Vendere

Nel 2006 Jenoptik (JENG.DE) – attiva nell’optoelettronica (laser, sistemi di segnalazione…) – ha realizzato un progresso delle vendite del 18%. Certo, quasi la metà di questa crescita deriva dalle acquisizioni (soprattutto quelle di Etamic e MEMS Optical), ma va sottolineato che le vendite non sono state aumentate a discapito dei margini. Nonostante i pesanti oneri finanziari, nel 2006 l’utile per azione è salito a 0,26 euro dagli 0,04 euro del 2005, e l’anno in corso si annuncia anche più positivo. Innanzitutto le vendite dovrebbero restare sostenute grazie alla forte domanda per i diodi laser. Inoltre, la semplificazione della struttura del gruppo (dopo la cessione di Clean Systems) dovrebbe far diminuire i costi fissi. Non mancano però motivi di preoccupazione. Jenoptik rischia infatti di perdere la causa mossale dieci anni fa dall’americana Asyst per violazione di brevetto. Ultimamente la giuria ha chiesto infatti al giudice di accordare a Asyst un risarcimento di 57,6 milioni di euro (circa 1 euro per azione). Certo la decisione finale arriverà solo fra qualche mese e Jenoptik potrà sempre ricorrere in appello, ma indubbiamente in questo scenario l’azione diventa sempre più rischiosa.

condividi questo articolo