Analisi
Alitalia 10 anni fa - lunedì 21 maggio 2007
Ammessi tutti e tre i contendenti

Ammessi tutti e tre i contendenti

Prezzo al momento dell'analisi (18/05/07): 0,88 EUR

In attesa che entro l'estate si concluda la privatizzazione, alcune indiscrezioni hanno parlato di offerte che non dovrebbero essere superiori a 0,4 euro per azione, mettendo così in seria difficoltà il titolo in Borsa.
>Vendere

AP Holding (cioè Air One), Texas Pacific Group (con Mediobanca) e Aeroflot (con Unicredit) passano all'ultima fase della privatizzazione e dal 24 maggio potranno accedere ai dati riservati sulla società per elaborare un piano quinquennale. Sembrerebbe che Aeroflot sia tra i contendenti quello disposto a pagare di più (0,4 euro per azione, la metà del valore attuale), ma in realtà la gara si giocherà su altri fattori. A nostro avviso, per curare Alitalia, il candidato più interessante è Texas Pacific Group che ha dalla sua un'esperienza pregressa nel salvataggio di compagnie aere decotte e ha spalle larghe dal punto di vista finanziario. Tuttavia, essendo americana, da un lato ha, come la russa Aeroflot, il problema di spiegare come manterrà la maggioranza della compagnia in mani europee, pena (in base alle norme vigenti) la penalizzazione di Alitalia in termini di rotte, e, dall’altro, non gode delle simpatie politiche di cui gode invece AP Holding. Scalata in salita, invece, per Aeroflot, sulla cui affidabilità qualcuno nutre dei dubbi e che potrebbe avere alle spalle Air France; il che può significare passeggeri italiani dirottati su Parigi anziché su scali nostrani: brutto biglietto da visita.

condividi questo articolo