Analisi
Borse in fermento 10 anni fa - lunedì 21 maggio 2007
Le tante operazioni di cessione, acquisizione, fusione e scorporo messe a segno in settimana hanno sostenuto la crescita delle Borse occidentali.

Le tante operazioni di cessione, acquisizione, fusione e scorporo messe a segno in settimana hanno sostenuto la crescita delle Borse occidentali.

Secondo quanto riportato dall’agenzia Bloomberg, il controvalore delle operazioni di fusione e acquisizione messe a segno in tutto il mondo dall’inizio del 2007 ha superato del 60% il valore già record raggiunto nello stesso periodo del 2006. Una crescita a cui hanno contribuito anche le numerose operazioni chiuse nella settimana appena trascorsa e che, a loro volta, hanno mantenuto le Borse in fermento. Il bilancio finale è di un rialzo dell’1,1% per New York e di un guadagno medio dello 0,8% per le Piazze europee. Pimpante Piazza Affari che ha messo su l’1,8%. È stato raggiunto l’accordo per il matrimonio tra Banca Popolare di Milano (-0,2%) e Banca Popolare dell’Emilia Romagna e tra Unicredit (+0,5%) e Capitalia (+7,3%). Operazione, quest’ultima, che potrebbe rappresentare il primo passo verso un’integrazione di carattere più europeo con il coinvolgimento della francese Société Générale (-3,3%). Il settore finanziario europeo ha chiuso in rialzo dello 0,5%. Nel settore media (+1,2%), la cordata di Mediaset (+1,4%) è riuscita a mettere le mani sulla casa di produzione Endemol, mentre la canadese Thomson ha conquistato l’agenzia inglese Reuters (+4,1%). Buon risultato anche per il settore auto (+1,8%) con la tedesca DaimlerChrysler (+6,1%) che si libera della zavorra di Chrysler cedendone l’80% al fondo Usa Cerberus. Nel settore delle utility europee (+1,5%) da segnalare le manovre della francese Suez (+1,8%) che ha rafforzato la presenza nella spagnola Gas Natural (+8,6%), sostenendo le speculazioni su una possibile fusione.

condividi questo articolo