Analisi
In Borsa pieni di energia 10 anni fa - giovedì 21 giugno 2007
Anche Pramac si accoda al lungo elenco di societa' che hanno deciso di approdare a Piazza Affari.

· Pramac è nata nel 1966 come società produttrice di muletti e macchinari per la movimentazione logistica. In seguito, l’azienda si è specializzata nella produzione di generatori elettrici di tutte le portate, in versione standard e realizzati su misura. La società progetta, realizza e distribuisce generatori elettrici, attività che è oggi la più redditizia; negli anni passati ha rappresentato infatti circa l’80% degli incassi del gruppo. Gli stabilimenti produttivi sono oggi quattro, in Italia, Spagna, Francia e Cina, mentre i distributori dei prodotti Pramac sono dislocati in tutto il mondo, tra cui il Sud e Centro America (Brasile, Porto Rico) l’Africa (Senegal) e il sud-est asiatico (Singapore, Shangai), oltre a Europa e Stati Uniti, Paesi in cui Pramac distribuisce i propri prodotti e fornisce assistenza post vendita ai clienti.

· Lo scopo dichiarato della quotazione è quello di aprire nuovi siti produttivi nell’Est europeo. Il primo obiettivo è la realizzazione in Romania di uno stabilimento, ma la società ha indicato come molto promettente il mercato russo, Paese su cui intende puntare al più presto, mentre per il momento non dovrebbero esserci ulteriori investimenti in Oriente, dato che lo stabilimento cinese esistente risulta essere ancora sotto utilizzato rispetto alla propria capacità produttiva.

· Non si può escludere, però, il fatto che Pramac si quoti anche per raccogliere fondi allo scopo di diminuire il proprio volume di debiti, soprattutto commerciali, che sono aumentati di circa 1/3 dal 2005 al 2006. Dopo la quotazione, la società rimarrà comunque non contendibile e il suo controllo sarà nelle mani della seconda generazione della famiglia fondatrice.

· Secondo i nostri modelli di analisi (vedi nel nostro sito la sezione conoscere e ripassare> la nostra metodologia), Pramac sbarcherà sul mercato a un prezzo non conveniente per i possibili investitori. Per il 2007 e per il 2008 abbiamo ipotizzato una crescita del fatturato pari al 10%, percentuale in linea con le aspettative stesse di crescita del settore, prevedendo tra l’altro un utile per azione pari a 0,29 euro nel 2007 e 0,32 nel 2008.  In sé, la struttura economica della società che emerge dalle nostre analisi, non è malvagia, ma il prezzo a cui sarà offerta sul mercato, anche se fosse fissato nella parte bassa della forchetta, è troppo caro considerando le prospettive future dell’azienda medesima. Per questi motivi vi consigliamo dunque di non aderire a questa offerta.

 

OPVS PRAMAC: L’OFFERTA

Periodo di sottoscrizione

fino al 27/06/2007

Intervallo di prezzo (in euro)

4 euro – 5 euro

Lotto minimo

700 azioni

Lotto minimo maggiorato

7.000 azioni

Valore lotto minimo (in euro)

min. 2.800– max. 3.500 (28.000 – 35.000 per il lotto maggiorato)

Mercato di quotazione

Expandi

Data inizio negoziazioni

3 luglio 2007

 

 

condividi questo articolo