Analisi
Torna il sereno 10 anni fa - lunedì 18 giugno 2007
Rassicurate dai buoni dati macroeconomici Usa, le Borse mondiali hanno recuperato buona parte delle perdite subite durante la settimana precedente.

Rassicurate dai buoni dati macroeconomici Usa, le Borse mondiali hanno recuperato buona parte delle perdite subite durante la settimana precedente.

I dati macroeconomici rilasciati dalla metà della scorsa settimana hanno fornito segnali rassicuranti sul futuro dell’economia americana. In particolare, gli acquisti dei consumatori Usa, uno dei principali motori della crescita del Paese, hanno fatto segnare in maggio la crescita mensile maggiore dal gennaio 2006, battendo le attese degli analisti. Le Borse hanno quindi ritrovato fiducia dopo il nervosismo d’inizio settimana legato a ulteriori rialzi dei rendimenti delle obbligazioni a medio/lungo termine. New York ha chiuso con un guadagno dell’1,7%, mentre le Borse europee hanno archiviato un recupero medio del 3,5%. Molto pimpanti Francoforte (+5,8%) e Parigi (+3,8%), che però avevano subito le perdite maggiori nella precedente settimana. In linea con la media, invece, il guadagno di Piazza Affari (+3,3%). Tra i settori, è stato molto frizzante quello energetico (+4,5%) che ha goduto di un ulteriore balzo dei prezzi del petrolio (+1,9%). Su anche il settore finanziario europeo (+2,7%), vivacizzato dalle voci, sebbene non confermate, di un possibile interessamento della francese Société Générale (+3,4%) sulla belga Dexia (+5,1%). Nonostante a maggio le immatricolazioni in Europa siano risultate in calo, bene ha fatto anche il settore auto (+3,2%): Ford (+8,3%) ha annunciato di avere allo studio la cessione delle controllate Jaguar e Land Rover. Meno bene, invece, i farmaceutici (+0,7%) frenati dallo stop delle autorità Usa a un farmaco contro l’obesità di Sanofi-Aventis (-7,3%). Da segnalare, infine, a Milano, il debutto di Screen Service, che ha chiuso con un +3,1% sul prezzo di quotazione.

condividi questo articolo