Analisi
Bilancio positivo 10 anni fa - lunedì 16 luglio 2007
Dopo una brutta partenza, le Borse hanno ritrovato ottimismo nel corso della settimana e hanno archiviato ancora una volta un bilancio positivo.

Dopo una brutta partenza, le Borse hanno ritrovato ottimismo nel corso della settimana e hanno archiviato ancora una volta un bilancio positivo.

L’allarme lanciato sul rischio di un aumento delle insolvenze nel pagamento dei mutui da parte dei risparmiatori americani ha spaventato le Borse a inizio settimana. Gli investitori hanno però ritrovato via via ottimismo grazie alle numerose operazioni di fusione e acquisizione che hanno sviato lo spettro di una crisi di liquidità sui mercati. Inoltre, sono stati rassicurati da alcuni risultati societari positivi, come quelli del colosso della distribuzione Usa Wal Mart (+1,6%) che ha mostrato una buona crescita delle vendite a giugno. Tutto ciò ha permesso a New York di chiudere la settimana con un guadagno dell’1,4%, mentre le Borse europee hanno archiviato in media un progresso dello 0,3%. Senza guadagni né perdite il bilancio di Milano. Tra i settori, pimpante quello delle materie prime (+4%): l’offerta di Rio Tinto (-6,8%) su Alcan (acciaio) ha alimentato le attese per ulteriori consolidamenti nel settore. Vivaci anche le telecom (+0,3%), con Telefonica (+1,6%) che ha lanciato un’offerta per Vivo, primo operatore di telefonia mobile in Brasile. Bene anche il settore alimentare (+1%), grazie alla possibile offerta di Colgate su Unilever (+4,8%). Tra le utility europee (invariate), buon debutto di Enìa che ha chiuso la prima settimana a Milano in rialzo del 9% sul prezzo di quotazione. Altre tre matricole sono pronte a sbarcare a Piazza Affari: Bialetti (beni di consumo; offerta dei titoli tra il 16 e il 20 luglio), Sat (trasporti; tra il 16 e il 20 luglio), Rcf (settore industriale; tra il 18 e il 24 luglio). Inoltre è agli sgoccioli l’offerta di B&C Speakers (settore industriale; termina il 17 luglio): la sottoscrizione è stata però riservata solo agli investitori professionisti.

condividi questo articolo