Analisi
Cimpor 10 anni fa - venerdì 30 novembre 2007
Utili in linea con le attese

Utili in linea con le attese

Prezzo al momento dell'analisi (29/11/2007): 6,04 euro

Il buon andamento delle vendite e il contributo dei nuovi mercati hanno rilanciato i risultati. Manteniamo le stime sull’utile per azione a 0,42 euro per il 2007 e a 0,46 euro per il 2008. L’azione resta correttamente valutata.
> Mantenere

Nei primi 9 mesi dell’anno il fatturato di Cimpor (CPR.LS) è cresciuto del 17,3%, sostenuto dall’integrazione delle nuove aree di attività (Turchia e Cina). L’utile per azione è praticamente stabile (0,32 euro per azione, +0,1%) rispetto allo stesso periodo 2006, ma escludendo gli elementi straordinari risulta in crescita del 6% (importanti guadagni straordinari nel 2006). A livello operativo va sottolineato che, nonostante l’utile industriale abbia toccato un nuovo massimo, i margini sul fatturato sono scesi dal 34,8% di un anno fa al 31,9% a causa dell’aumento dei costi e dell’apprezzamento dell’euro. Tra i mercati più vivaci ci sono il Marocco, la Tunisia e il Brasile; quelli, invece, che si sono comportati peggio sono il Portogallo (28,3% degli utili industriali), dove la congiuntura resta sfavorevole, e l’Egitto, in seguito a problemi in una delle tre linee di produzione. Infine, il gruppo ha annunciato l’acquisizione per 12 milioni di euro dell’80% di una impresa peruviana, con cui conta di aumentare fortemente la sua capacità produttiva e il suo peso sul mercato locale.

condividi questo articolo