Analisi
Iberia 10 anni fa - venerdì 30 novembre 2007
British Airways non lotterà per Iberia

British Airways non lotterà per Iberia

Prezzo al momento dell'analisi (29/11/2007): 3,10 euro

L’offerta di Caja Madrid per le quote in mano a BBVA (7,3%) e Logista (6,7%) a 3,6 euro per azione ha portato British Airways a rinunciare al diritto di prelazione. Ai prezzi attuali l’azione è cara.
> Vendere

Iberia (IBLA.MC1) si era impegnata ad attirare pretendenti – realizzando nel terzo trimestre un utile in crescita del 237%, grazie anche a guadagni straordinari – ma non ha ottenuto l’effetto desiderato con British Airways a cui, come ci aspettavamo, i 3,60 euro per azione messi sul tavolo da Caja Madrid per aumentare dal 10% al 24% la sua partecipazione in Iberia sono sembrati eccessivi. E tutto questo nonostante un consorzio spagnolo capitanato dal fondo Gala Capital si avventurasse a portare fino a 3,9 euro per azione il prezzo massimo non vincolante dell’offerta su Iberia (il minimo è 3,6 euro). La compagnia britannica ha infatti comunicato alla CNMV (l’equivalente spagnolo della nostra Consob) che rinuncia al diritto di prelazione (cioè al diritto di acquistare al prezzo che pagherebbe Caja Madrid) sulle quote di Iberia detenute da BBVA e Logista. Anche se non si può considerare ancora sepolta l’ipotesi di un’Opa congiunta su Iberia da parte di British Airways e TPG (condizionata ad almeno il 75% di adesione), quest’operazione diventa sempre meno probabile. Ne è una prova il fatto che la notizia della rinuncia ha già fatto perdere un bel po’ di terreno al titolo.

condividi questo articolo