Analisi
Pirelli & C. 10 anni fa - venerdì 30 novembre 2007
Pirelli raddoppia la presenza in Cina con un secondo stabilimento di pneumatici: operazione coerente con la strategia di espansione all’estero.

Prosegue l’espansione in Cina

Prezzo al momento dell'analisi (29/11/2007): 0,81 euro

Pirelli raddoppia la presenza in Cina con un secondo stabilimento di pneumatici: operazione coerente con la strategia di concentrazione nei settori chiave e espansione all’estero. Titolo correttamente valutato.
> Mantenere sia le ordinarie sia le rnc

Con il nuovo stabilimento di pneumatici ad alte prestazioni, destinati alla zona Asia-Pacifico, il gruppo punta a sfruttare le buone prospettive del mercato auto asiatico; un mercato trainato dalla crescita economica, dall’aumento del tenore di vita e dal miglioramento delle infrastrutture stradali. E la Cina è solo una tappa: sono previste nuove espansioni anche in Russia e in India. Pirelli conferma così la rifocalizzazione sui settori chiave (pneumatici, appunto, ma anche immobiliare con Pirelli Real Estate); in questo senso vanno anche le trattative per riacquistare il 38,9% di Pirelli Tyre in mano alle banche. Malgrado i progetti di espansione e la necessità di finanziarli, la fine del capitolo telecom ha “liberato” parte del capitale della società, che verrà restituito agli azionisti: in parte con un dividendo straordinario (0,154 euro per azione, previsto per marzo) e in parte con l’accantonamento in una riserva che potrebbe servire a riacquistare azioni proprie. Intanto i primi 9 mesi 2007, non più appesantiti da Olimpia, si chiudono con utili di 0,03 euro per azione contro una perdita di 0,28 euro per azione lo scorso anno. Stimiamo utili 2007 e 2008 rispettivamente di 0,05 e 0,06 euro per azione.

condividi questo articolo