Analisi
Luxottica 10 anni fa - lunedì 4 febbraio 2008
Il dollaro Usa penalizza i conti

Il dollaro Usa penalizza i conti

Prezzo al momento dell'analisi (01/02/08): 19,21 EUR

Pur registrando ricavi in crescita, i conti del 2007 sono penalizzati dalla debolezza del dollaro. Stimiamo un utile per azione di 1,13 euro nel 2008 e di 1,23 euro nel 2009. Agli attuali prezzi di mercato il titolo è caro.
>Vendere

Se la debolezza del dollaro non ci avesse messo lo zampino, il 2007 avrebbe potuto essere per Luxottica un anno da ricordare, come già lo era stato il 2006. Invece, le incertezze del biglietto verde hanno ridimensionato molto i risultati del gruppo. Il mercato Usa è tutt’ora il più importante per Luxottica che possiede numerose partecipazioni in catene di negozi e di marchi molto popolari nel mercato statunitense, come per esempio RayBan. Nonostante l’attenzione del gruppo si sia recentemente spostata verso i mercati australiani e del sud-est asiatico, gli Stati Uniti rimangono un cliente insostituibile. A cambi costanti, i ricavi di Luxottica sono complessivamente cresciuti, nel 2007, del 12,6% rispetto al 2006. Tenendo però conto del cambio, la crescita si è più che dimezzata, fermandosi a +6,2% rispetto all’anno precedente, nonostante il contributo positivo delle vendite di Oakley. I più redditizi rimangono ancora una volta i marchi del lusso, tra cui Bulgari, Chanel e Dolce & Gabbana, le cui vendite nel 2007 sono cresciute oltre il 10% rispetto al 2006. A trainare i ricavi sono invece le vendite all’ingrosso, che nei mercati emergenti sono cresciute di circa il 40% rispetto all’intero 2006.

condividi questo articolo