Analisi
Mobistar 10 anni fa - venerdì 15 febbraio 2008
Si riducono le aspettative sugli utili

Si riducono le aspettative sugli utili

Prezzo al momento dell'analisi (14/02/2008): 58,90 euro

Mobistar, presente quasi solo nella telefonia mobile, necessita di minori risorse per attuare la sua strategia rispetto a quelle necessarie ai gruppi diversificati in vari comparti telecom; può quindi ricompensare maggiormente gli azionisti. L’azione è però cara.
> Vendere

Come previsto, l’imposto calo delle tariffe ha fatto scendere il fatturato (-2,4%) e l’utile per azione (-3,2%, a 4,58 euro) della belga Mobistar (MSTAR.BR). Per il momento la società resta comunque focalizzata sulla telefonia mobile e non prevede importanti acquisizioni per i prossimi due o tre anni. Una parte della sua cospicua liquidità (600 milioni di euro) verrà restituita agli azionisti, con un dividendo di 2,80 euro in maggio, un rimborso di capitale di 4 euro per azione in agosto e acquisti di azioni proprie. Per il 2008 Mobistar si aspetta un nuovo calo del fatturato tra l’1 e il 3%, in seguito a ulteriori discese delle tariffe, mentre l’utile per azione dovrebbe scendere ancora di più (tra il 4 e il 6%) poiché la società, per far fronte ai suoi impegni, deve negoziare nuovi debiti, che faranno così aumentare considerevolmente i suoi oneri annui per interessi. Anche se speriamo che a partire da quest’anno Mobistar possa compensare i cali delle tariffe con nuove fonti di ricavi (come lo scambio di dati tramite cellulare) abbiamo ridotto fortemente le nostre stime sull’utile per azione del gruppo, portandolo da 4,65 a 4,36 euro per il 2008 e da 4,78 a 4,51 euro per il 2009.

condividi questo articolo