Analisi
Adidas Group 10 anni fa - venerdì 7 marzo 2008
Reebok pesa sul titolo

Reebok pesa sul titolo

Prezzo al momento dell'analisi (06/03/2008): 40,25 euro

Nonostantei buoni dati complessivi, Adidas continua ad accusare la concorrenza di Nike. A nostro avviso, ai prezzi attuali il titolo continua a essere troppo caro e non se ne può escludere un calo.
> Vendere

Nel 2007 il fatturato di Adidas (ADSG.DE) è cresciuto del 7% (a tassi di cambio costanti) e l’utile per azione del 14%. I Paesi emergenti hanno rappresentato il motore della crescita, mentre il dollaro debole ha favorito la redditività (il gruppo paga la maggior parte delle forniture in dollari). Il Nord America (28% del fatturato) resta però l’anello debole della catena: l’integrazione di Reebok tarda infatti a dare frutti e il fatturato di quest’attività (23% del totale) è sceso del 5% a causa della concorrenza di Nike. Il dividendo per il 2007 sale però a 0,5 euro, realizzando una crescita (+19%) superiore a quella degli utili; segno che il gruppo, che ha gestito bene la liquidità e ridotto il debito, resta fiducioso per il futuro. Nonostante l’atteso aumento delle spese di marketing, gli elevati ordinativi (Europei di calcio e Olimpiadi) lasciano infatti prevedere per il 2008 una nuova crescita del fatturato e della redditività. Stimiamo un utile per azione di 3,16 euro nel 2008 e 3,50 euro nel 2009. A più lungo termine, però, preoccupa la guerra con Nike che, quadruplicando il prezzo pagato oggi da Adidas, ha ottenuto il contratto per vestire la Nazionale francese di calcio dal 2011 al 2018.

condividi questo articolo