Analisi
Pearson 10 anni fa - lunedì 10 marzo 2008
Prospettive positive

Prospettive positive

Prezzo al momento dell'analisi (07/03/08): 689,50 pence

I costi legati alle acquisizioni e alle cessioni si sono rivelati più importanti del previsto. Nel tempo la rifocalizzazione sull’editoria scolastica dovrebbe però dare buoni frutti. L’azione resta conveniente.
>Acquistare

Malgrado la redditività cresca in tutte le attività, i conti del 2007 dell’editore britannico Pearson (PSON.L) sono inferiori alle nostre previsioni. La crescita delle vendite (+6% senza cessioni/acquisizioni) ha soddisfatto le nostre attese, ma i costi – sia di natura operativa sia di natura finanziaria e straordinaria – legati alle acquisizioni di Hartcourt e di eCollege e alle cessioni di Data Management e di Les Echos sono risultati più alti di quanto ci aspettassimo. Anche se si sono rivelate più costose del previsto, continuiamo comunque a condividere queste operazioni. Le acquisizioni realizzate rafforzano infatti il ruolo di primo piano nel settore dell’editoria scolastica, mentre le cessioni (anche il Financial Times Deutschland sarà presto venduto) riducono il peso delle attività non strategiche, come l’editoria finanziaria, sull’insieme delle attività del gruppo. Come previsto, quest’anno i costi di integrazione di Hartcourt peseranno ancora sui conti del gruppo, ma dal prossimo anno questa acquisizione dovrebbe cominciare a contribuire positivamente ai risultati. Stimiamo che Pearson possa registrare un utile per azione pari a 43,93 pence nel 2008 e pari a 48,58 pence nel 2009.

condividi questo articolo