Analisi
Ad aprile fioriscono le Borse 9 anni fa - lunedì 19 maggio 2008
La primavera ha portato bene alle Borse mondiali, che lo scorso mese hanno ripreso quota, lasciandosi alle spalle i cali invernali. Meno bene i bond, che non hanno saputo approfittare del buon momento dei mercati.

Ad aprile le Borse hanno recuperato un po’ del terreno perso nei primi mesi dell’anno. Complice la ripresa delle principali valute sull'euro - +1,8% il dollaro Usa, +5,1% quello australiano, +3,7% quello canadese, +1,4% la sterlina - le Borse estere sono andate bene: New York ha guadagnato il 6,1%, Sidney il 9,3%, Toronto il 7,6% e Londra il 6,6%. La zona euro ha messo su il 4,5%, superata da Milano, +5,7%. Bene nel complesso anche Tokio (+6,7%) e l'Asia (+8,9%).

· Sul fronte delle obbligazioni i risultati sono stati meno brillanti: i titoli in euro a 7-10 anni sono scesi dello 0,7%, quelli svedesi, sempre a 7-10 anni, in pareggio e quelli Usa in calo dello 0,6%, un po’peggio le obbligazioni inglesi (-0,7%), meglio i bond australiani (+3,7%).

Fondi comuni, luci e ombre

· Bipiemme Italia (+5,2%, minimo 2.000 euro presso Banca Popolare di Milano, telefono: 800/100.200) ha fatto un po’ peggio di Piazza Affari, battuto anche dal suo benchmark (Msci Italy: +7,4%). L'Etf Lyxor S&P Mib ha guadagnato il 7%. Il fondo che investe nella zona euro (+4,5%) Leonardo euro (+5%, 1.000 euro, presso Onlinesim, telefono: 800/920045) approfittava degli apporti di alcuni importanti titoli nei settori energetico (+14,6%) materie prime (+7,9%) e bancario (+9,1%). L'Etf Lyxor djeurostoxx50 ha messo su il 5,8%, mentre iShares dj eurostoxx 50 ha guadagnato il 6%.

· In Gran Bretagna (+6,6%), Aviva Uk equity focus (+5,8%, netto è +5,1%, minimo 2.000 euro, presso Onlinesim) ha registrato una performance inferiore al mercato. L'Etf iShares ftse 100 ha guadagnato il 7.2%.

· Sul fronte degli Usa Henderson american equity A2 (-6,6%, netto è +5,8%, minimo 2.500 euro, presso Onlinesim) ha fatto quasi come la Borsa (+6,1% netto) mescolando titoli a grande capitalizzazione (Bank of America, Pepsico, Altria e Cisco Systems) con altri di media dimensione (Abbott lab, Hess, Emc) e con altri ancora più piccoli (Owens Illinois, Correction corporation of America, Marathon oil, Cvs Caremark, Thermo Fisher, Northern Trust). L'Etf db-x-trackers Msci Usa trn Index ha messo su il 6,7%, iShares S&P 500 l’8,1% e iShares msci North America l’8,9%.

Novità nei nostri portafogli

Questo mese, in alcuni portafogli, i titoli azionari australiani fanno spazio a quelli inglesi. Nel difensivo a 5 anni Londra passa dal 10% al 15%, mentre Sidney scende dal 10% al 5%. Nel neutro a 5 anni Londra sale dal 15% al 20% e Sidney cala dal 15% al 10%, così come in quello dinamico a 5 anni Londra cresce dal 15% al 20% e Sidney cala dal 20% al 15%. Nel difensivo a 10 anni Londra passa dal 15% al 20% e Sidney dal 20% al 15%.

· Ubs equity Canada B (8,7, netto è 7,6%, minimo 2.500 presso Deutsche Bank, telefono: 02/6995) è andato in linea col mercato (Toronto +7,6%). Dexia equity Australia (11,2%, netto 9,8%, minimo 4.000 euro presso Onlinesim) ha battuto Sidney (+9,3%) con un sovrappeso nei materiali (Bhp Billiton, Rio Tinto, Uhr gold) cresciuti del 16,3%, senza essere penalizzata dal sovrappeso nei bancari (National Australian Bank, Westpac banking, Commonwealth Bank of Australia, Anz bank), cresciuti del 7,1%.

Obbligazioni così così

· Arca rr (-0,3%, 100 euro, presso diverse banche popolari, tel.: 02/480971 ha fatto meglio del mercato grazie alla scadenza media dei titoli in portafoglio intorno ai 5 anni, scesi meno dei titoli a 7-10 anni (-0,7%).

· L'Etf obbligazionario area euro Lyxor Etf Euromts 10-15y ha guadagnato lo 0,7%. Sul fronte dei dollari Arca bond dollari (+0,2%) ha sfruttato una durata media relativamente corta dei titoli in portafoglio, che gli ha permesso di fare meglio della media dei titoli a 7-10 anni, -0,6%. Nordea Swedish bond B (0,3%, 50 euro presso Fundstore, telefono: 055/2463400) è andato in linea coi titoli di Stato svedesi con durata compresa tra i 3 e i 5 anni (+0,3%).

IL VOSTRO FONDO ALLA PROVA

 

1 mese

3 mesi

1 anno

3 anni *

5 anni *

BORSE

Australia

9,3%

1,1%

-4%

14,6%

17,1%

Canada

7,6%

1,3%

1,7%

15,3%

16,9%

Area euro

4,5%

2%

-10,7%

12,2%

14,5%

Hong Kong

8,8%

-4,9%

4,9%

11,6%

15,9%

Italia

5,7%

0,2%

-18,2%

6,1%

10,8%

Giappone

6,7%

-2,1%

-16,6%

0,9%

7%

Svezia

2%

4,7%

-20,4%

11,9%

16,1%

Svizzera

0,9%

-1,2%

-13,8%

9,0%

11,2%

UK

6,6%

-1,1%

-14,7%

6,2%

10%

Usa

6,1%

-3,1%

-13,5%

2,4%

3,9%

OBBLIGAZIONI (panieri di titoli di Stato a 7-10 anni)

Europa

-0,7%

-0,7%

3,6%

1,9%

3,6%

Australia

3,7%

0,8%

2,5%

3,3%

5,2%

Canada

2,6%

-1,4%

4,5%

6,2%

6,2%

Giappone

-5,1%

-3,6%

2,7%

-4,2%

-2,7%

Svezia

0%

1,2%

2,2%

1,3%

4%

UK

-0,7%

-4,5%

-5,6%

-0,8%

1,5%

Usa

-0,6%

-4,0%

-1,6%

-0,4%

-1,6%

VALUTE 

Corona svedese

0,7%

1,5%

-1,9%

-0,5%

-0,4%

Dollaro australiano

5,1%

0,4%

-0,8%

0%

1,6%

Dollaro canadese

3,7%

-4,8%

-3,8%

1,1%

0,4%

Dollaro Usa

1,8%

-4,9%

-12,3%

-5,7%

-5,7%

Sterlina inglese

1,4%

-5,3%

-13,2%

-4,7%

-2,2%

Yen giapponese

-3,1%

-3,3%

0,2%

-5,6%

-3,6%

Le variazioni sono in %, in euro e tengono conto delle imposte. Le obbligazioni sono titoli di Stato di durata tra i 7 e i 10 anni e non corrispondono necessariamente con la composizione dei fondi in tabella. Abbiamo solamente voluto fornire un termine di paragone. (*) Su base annua.

condividi questo articolo