Analisi
General Motors 9 anni fa - giovedì 29 maggio 2008
Ancora sotto pressione

Ancora sotto pressione

Prezzo al momento dell'analisi (28/05/2008): 17,15 USD

General Motors continua a soffrire e non riesce a risollevarsi in modo duraturo. Anche le sue finanze sono sotto pressione. Nonostante il calo, ai prezzi attuali l’azione resta correttamente valutata.
> Mantenere

General Motors (GM.N) resta sotto pressione negli Usa, dove subirà pesanti perdite anche nel 2008. L’ultimo inconveniente, un lungo sciopero dei fornitori, che ha impedito la produzione di 230.000 auto (10% della produzione del primo trimestre) e che gli costerà circa 2,8 miliardi di dollari (5 dollari per azione) ante imposte. La mancata attività continuerà a pesare sulla liquidità generata, già molto deludente nel primo trimestre; il che preoccupa perché da ciò dipendono sia gli investimenti sia la remunerazione degli azionisti. Inoltre, il mercato auto statunitense continua a soffrire del caro-petrolio, che dissuade i consumatori – già poco fiduciosi e quindi poco inclini alle grandi spese – a acquistare veicoli che consumano molto. Nei primi tre mesi dell’anno, le vendite del gruppo sono così scese del 10% (in volume) in Nord America, malgrado la buona tenuta dei nuovi modelli. Abbassiamo quindi le stime sulla perdita per il 2008 da 6 a 10 dollari per azione; per il 2009 stimiamo ora una perdita di 1 dollaro per azione, e non più un utile di 1 dollaro per azione. I tagli ai costi legati al piano di ristrutturazione non avranno infatti un impatto sui conti prima della fine del 2009.

condividi questo articolo