Analisi
Dexia 9 anni fa - lunedì 30 giugno 2008
Timori per la controllata FSA

Timori per la controllata FSA

Prezzo al momento dell'analisi (27/06/08): 10,09 EUR

La situazione della controllata FSA potrebbe aggravarsi, ma Dexia rassicura il mercato con una misura forte e confermando che la propria struttura finanziaria è ancora solida. L’azione resta conveniente.
>Acquistare

Dopo averla ricapitalizzata con 500 milioni di euro, Dexia (DEXI.BR) garantisce ora alla controllata FSA (che assicura obbligazioni legate ai crediti a rischio) una copertura finanziaria di 5 miliardi di euro in caso di necessità. Con questa mossa, Dexia intende rispondere al mercato che teme che FSA non abbia sufficienti fondi per coprire le eventuali perdite dei contratti associati a determinati strumenti finanziari. In particolare c’è il timore che, come è già accaduto ad alcuni suoi concorrenti (MBIA, Ambac), venga ridotta la valutazione dei contratti di FSA; il che renderebbe più difficile concluderne altri. Certo FSA ha subìto delle perdite (soprattutto nel primo trimestre) e potrebbe subirne ancora con l’aggravarsi della crisi finanziaria, ma finora restano limitate rispetto a quelle dei concorrenti poiché, secondo il management, FSA è stata più prudente e ora può approfittare delle difficoltà dei concorrenti per aumentare i ricavi. In ogni caso, anche se dovesse subìre ulteriori perdite, la solidità finanziaria di Dexia rimane tale da rassicurare il mercato. Per cautela riduciamo comunque le stime sull’utile per azione da 1,78 a 1,40 euro per il 2008 e da 2,34 a 2 euro per il 2009.

condividi questo articolo