Analisi
Mabuchi Motor 9 anni fa - martedì 26 agosto 2008
Nuovo avvertimento sui risultati

Nuovo avvertimento sui risultati

Prezzo al momento dell'analisi (25/08/2008): 4800 JPY

L’attività e la redditività sono di nuovo a corto di ossigeno, ma le finanze restano in buona salute e il dividendo non appare messo sotto minaccia. Ai prezzi attuali, il titolo è correttamente valutato.
> Mantenere

Per il gruppo Mabuchi (6592.T), leader mondiale nella fabbricazione di piccoli motori elettrici per prodotti di largo consumo (lettori CD, DVD e MP3, macchine fotografiche, stampanti, finestrini elettrici...), le prospettive 2008 non erano particolarmente rosee già da inizio anno. Ciò nonostante, ancora una volta il gruppo nipponico si trova costretto a ridurre i suoi obiettivi. I motivi sono sempre gli stessi. Il rallentamento economico pesa sulle vendite (-3,1% in volume nel primo semestre), mentre il rapido apprezzamento dello yen nei confronti del dollaro amplifica ancora di più il calo del fatturato (-8,2% nel primo semestre). Inoltre, il costo delle materie prime rimane orientato al rialzo: orientamento che può essere difficilmente trasferito sui prezzi di vendita vista la concorrenza che forza a ridurre i margini per mantenere le quote di mercato. Riduciamo di conseguenza le nostre previsioni sull’utile per azione da 207 a 186 yen per il 2008 e da 255 a 225 yen per il 2009. Tuttavia, questo non mette secondo noi in dubbio la solidità finanziaria del gruppo che permette di proseguire la generosa politica di remunerazione agli azionisti: dividendo (123 yen quello atteso) e acquisto di azioni proprie (detiene già il 19% del capitale).

condividi questo articolo