Analisi
Inditex 9 anni fa - venerdì 26 settembre 2008
Risultati trimestrali in chiaroscuro

Risultati trimestrali in chiaroscuro

Prezzo al momento dell'analisi (25/09/2008): 32,47 euro

Come tutto il settore tessile, Inditex accusa il calo dei consumi in Europa, con vendite scese ai minimi del 2003. Nonostante le possibili pressioni a breve termine, l’azione resta comunque correttamente valutata.
> Mantenere

Nel secondo trimestre (la società chiuderà i conti il 31 gennaio 2009) la crescita degli utili di Inditex (ITX.MC1) è rallentata al 3,3% contro il +10% del primo trimestre. Anche se le vendite hanno accelerato la corsa (+10,6%), a livello comparabile (tenendo conto dei diversi periodi di apertura dei negozi) hanno perso l’1%. Certo il 1° semestre 2007 era stato eccezionale, ma è chiaro che le vendite spagnole (35% del totale) sono in crisi (attesa contrazione del 3%). Il management dà la colpa soprattutto al fatto che nei centri commerciali ai nuovi negozi serve più tempo per “ingranare”. Confidando in un miglioramento nel secondo semestre, mantiene quindi l’obiettivo sulle vendite (+4% annuo a livello comparabile) e continua a aprire negozi (l’obiettivo è aumentare del 15% la superficie commerciale in un anno). La nuova linea di accessori ha avuto una buona accoglienza e i successi in Asia e Europa dell’Est lasciano ben sperare a lungo termine, ma nei prossimi mesi la crisi finanziaria potrebbe accentuare il calo dei consumi. Riduciamo quindi le stime sull’utile per azione da 2,30 a 2,10 per il 2008/09 e da 2,65 a 2,40 euro per il 2009/10.

condividi questo articolo