Analisi
Risarcimenti per Royal Dutch Shell 9 anni fa - lunedì 1 settembre 2008
Se avete acquistato azioni Royal Dutch Shell tra il '99 e il 2004 potete approfittare degli indennizzi con cui la società sconterà la colpa di aver fornito errate informazioni al mercato sulle sue riserve di petrolio.

· Royal Dutch Shell pagherà 120 milioni di dollari (circa 80 milioni di euro) di risarcimento a chi è stato azionista dei titoli indicati nella tabella qui a lato – I titoli del risarcimento - tra l'8 aprile 1999 e il 17 marzo 2004 a seguito di un'azione legale dalla Sec , la Consob statunitense.

· Per ottenere il risarcimento avete poco più di due mesi di tempo (il termine è il 18 novembre 2008) per compilare i moduli che trovate al sito www.shellsecsettlement.com. Il sito riporta in italiano moduli e istruzioni su come fare (per vostra comodità trovate una copia dei moduli anche cliccando qui sotto). Attenzione, non sempre la traduzione del modulo americano è ben fatta. In particolare, quando per indicare il vostro indirizzo il modulo vi chiede "Stato" e "codice postale", si riferisce allo Stato Usa e al codice postale americano: voi, invece, dovete compilare la riga sotto, in cui vanno indicati provincia estera, codice postale estero e Paese estero. Analogamente, non dovete inserire il vostro numero di telefono nelle caselle "telefono diurno" e "telefono serale" (non c'è spazio per un numero italiano con prefisso internazionale) ma nella riga "numero di telefono estero". Inoltre le caselle dedicate al codice fiscale sono poche rispetto a quelle del codice Usa e dovrete uscire dalla riga. I documenti da allegare sono i fissati bollati di acquisto vendita delle azioni (se precedenti il 15 giugno 2004) o un estratto conto titoli a marzo e a giugno 2004.

· In alternativa potete avere informazioni al numero verde 800-873.777. Attenzione la telefonata verrà dirottata negli Usa: se volete trovare gli uffici aperti dovrete chiamare quando in Italia è pomeriggio, visto che ci sono 6 ore di fuso orario con New York (se da noi sono le 14, là sono le 8 di mattina). Vi risponderanno in inglese, ma ci hanno detto che è possibile trovare qualcuno che parla italiano.

  SEC_Claim_Form_Italian.pdf

  SEC_Instruction_Sheet_Italian.pdf

  SEC_Non-US_Cover_Letter_Italian.pdf

· Oltre al procedimento avviato dalla Sec ce ne sono altri. Uno attende il via libera (l'udienza è il 20 novembre) da parte della corte di Amsterdam e porterebbe a un ulteriore risarcimento di 380 milioni di dollari (circa 255 milioni di euro). Informazioni sono disponibili sul sito www.royaldutchshellsettlement.com. Purtroppo il sito non è in italiano, ma se cliccate su "Document & Links" e nella colonna di destra su "Summons - Other languages", quindi su "Summons - Italian" potete trovare un documento con risposte alle domande più frequenti. Invece la sezione del sito dedicata alle richieste di risarcimento da compilare sarà attiva dopo il 20 novembre.

· L'altro procedimento è una class action Usa (sito www.shellclassactionsettlement.com) che riguarda, però solo chi ha comprato i titoli sul mercato Usa e/o era residente negli Usa al momento dell'acquisto.

I TITOLI DEL RISARCIMENTO

Titolo

Borsa

Isin

Royal Dutch Petroleum

Amsterdam

NL0000009470

Royal Dutch Petroleum

New York

US7802578044

The Shell Transport and Trading Company

Londra

GB0008034141

The Shell Transport and Trading Company ADR

New York

US8227036097

condividi questo articolo