Analisi
Fortis/BNP Paribas 9 anni fa - lunedì 6 ottobre 2008
Fortis cambia volto

Fortis cambia volto

Con l’acquisizione da parte dello Stato olandese delle attività bancarie e assicurative in Olanda (comprese quelle di ABN Amro) e l’acquisizione da parte di BNP Paribas dell’integrità delle attività assicurative e il 75% di quelle bancarie del gruppo in Belgio – che saranno pagate in azioni BNP Paribas allo Stato belga, che diventerà così il primo azionista della banca francese con l’11,7% del capitale – del gruppo belga resta ben poco. Fortis (5,42 euro), le cui azioni restano quotate, sarà infatti un’entità indebitata (per 7 miliardi di euro) alla testa di una compagnia di assicurazione al di fuori del Benelux (Fortis Insurance International) e di una montagna di denaro (14,4 miliardi di euro) con cui però, ai termini dell’accordo con BNP Paribas, dovrà acquisire il 66% delle attività a rischio del gruppo al prezzo di 6,86 miliardi di euro. Il rischio legato alla crisi dei subprime e le perdite e svalutazioni resteranno quindi per due terzi a carico dell’azionista di Fortis, mentre il resto sarà ripartito tra lo Stato belga e BNP Paribas. D’ora in poi, quindi, l’andamento del titolo Fortis dipenderà quasi esclusivamente dall’andamento del valore di questo portafoglio a rischio: motivo per cui vi consigliamo di vendere. L’operazione gioverà invece a BNP Paribas (71,35 euro), una banca solida e relativamente risparmiata dalla crisi dei subprime, che potete continuare ad acquistare.

condividi questo articolo