Analisi
Ing 9 anni fa - venerdì 24 ottobre 2008
Iniezione di capitali statali

Iniezione di capitali statali

Prezzo al momento dell'analisi (23/10/2008): 8,10 euro

Il risultato trimestrale sarà in rosso e non ci sarà un dividendo finale per il 2008, ma gli aiuti statali rafforzano il capitale e ravvivano la fiducia. Anche se l’azione resta conveniente, la crisi del settore ci spinge alla prudenza.
> Mantenere

Pur essendo stato per un certo tempo risparmiato dalla crisi, ING (ING.AS) pubblicherà per il terzo trimestre dei risultati in rosso. Anche se i dati definitivi sono attesi per il 12 novembre, la perdita è già stimata in 500 milioni di euro, a causa di pesanti svalutazioni per il portafoglio di azioni e obbligazioni (1,6 miliardi) e di accantonamenti per coprire i mancati rimborsi dei crediti (400 milioni). Per l’intero 2008, riduciamo quindi le stime sull’utile per azione da 3,12 a 1,92 euro. Ing è inoltre obbligata a detrarre direttamente dal capitale dei deprezzamenti del suo portafoglio di crediti a rischio (1,5 miliardi). Grazie però ai 10 miliardi di euro dello Stato olandese che può inscrivere direttamente nel capitale, il gruppo potrà migliorare la solvibilità e far eventualmente fronte a altre svalutazioni. Visto che lo Stato non ottiene in cambio delle azioni (ma obbligazioni che possono essere rimborsate o eventualmente convertite in azioni), per il momento il numero di azioni in circolazione non cambia e quindi l’utile per azione non subisce una riduzione “automatica”, anche se, ovviamente, risentirà degli interessi da pagare allo Stato.

condividi questo articolo