Analisi
Royal Bank of Scotland 9 anni fa - venerdì 10 ottobre 2008
Solvibilità a rischio?

Solvibilità a rischio?

Prezzo al momento dell'analisi (09/10/2008): 96 pence

Per rafforzare i fondi propri in modo da rassicurare gli investitori, Royal Bank of Scotland potrebbe far ricorso agli aiuti dello Stato britannico. Nonostante il crollo del titolo, la prudenza si impone.
> Mantenere

Come alcuni concorrenti, Royal Bank of Scotland (RBS.L) potrebbe accettare molto presto degli aiuti pubblici per migliorare la solvibilità. Già ad agosto avevamo messo in evidenza la situazione difficile in cui versava la banca; ora, considerando il crollo delle Borse, l’aumento dei mancati rimborsi dei crediti (ipotecari, al consumo) e i maggiori costi di rifinanziamento per le banche pensiamo che la sua solvibilità sia peggiorata e che quindi abbia bisogno di rafforzarla. Inoltre, considerato che nei prossimi mesi arriveranno a scadenza obbligazioni emesse da RBS per circa 11,5 miliardi di sterline, riconquistare la fiducia degli investitori diventa sempre più urgente per la banca. Per ristabilirla, e quindi potersi rifinanziare a costi accettabili, la banca potrebbe chiedere la garanzia del Governo britannico. Tuttavia, visto che nel Regno Unito gli aiuti pubblici prevedono condizioni che non penalizzino i contribuenti, potrebbe essere rimessa in causa la politica di distribuzione di dividendi. Per prudenza ipotizziamo questo scenario e ci aspettiamo una soppressione del dividendo 2009; riduciamo anche le stime sui dividendi a partire dal 2010.

condividi questo articolo