Analisi
Solvay 9 anni fa - venerdì 3 ottobre 2008
Conferma obiettivi a lungo termine

Conferma obiettivi a lungo termine

Prezzo al momento dell'analisi (02/10/2008): 83,28 euro

Mentre in Europa e negli Usa peggiora l’orizzonte economico, la belga Solvay continua a svilupparsi con successo nei Paesi emergenti. Tuttavia, ai prezzi attuali, l’azione è secondo noi cara.
> Vendere

Nella chimica e nelle plastiche Solvay (SOLB.BR) conta di aumentare nel 2012 le vendite del 16,5% (rispetto al 2007) grazie soprattutto all’espansione nei Paesi emergenti, dove, ad esempio, le attività PVC (dove è il n° 3 al mondo) dovrebbero beneficiare del boom della costruzione. Per il momento però la chimica e le plastiche accusano il peggioramento della congiuntura negli Usa e in Europa e soffrono dei prezzi elevati delle materie prime e dell’energia, che Solvay fatica a trasferire sui prezzi di vendita. Nella farmacia il gruppo conta ancora per il 2010 su un fatturato di 3,2 miliardi di euro e un margine industriale (rapporto tra utili industriali e fatturato) del 20% (17,6% nel 2007). Tuttavia, mentre la redditività beneficerà del piano di tagli ai costi, l’obiettivo di vendite ci sembra ambizioso. Per centrarlo servirebbe una crescita media della divisione del 7% annuo nel 2007-2010 e anche se la diagnostica di Innogenetics dovrebbe favorire lo sviluppo di nuove molecole il processo sarà lento, mentre dopo l’insuccesso del Bifeprunox negli Usa, a Solvay mancano vettori di crescita. Manteniamo le stime sull’utile per azione a 8,2 euro per il 2008, ma le riduciamo da 8,3 a 7,8 euro per il 2009.

condividi questo articolo