Analisi
InBev 9 anni fa - venerdì 7 novembre 2008
Acquisizione in sospeso

Acquisizione in sospeso

Prezzo al momento dell'analisi (06/11/2008): 30,4 euro

Mentre Inbev preme per concludere l’acquisizione dell’americana Anheuser-Busch, la crescita degli utili è a rischio. Riduciamo le stime sull’utile per azione a 3 euro per il 2008 e a 3,2 euro per il 2009.
> Mantenere

Come nelle attese, i risultati del terzo trimestre di InBev (INTB.BR) sono stati piuttosto fiacchi. Nonostante una crescita interna del fatturato di quasi l’8%, l’utile per azione è sceso del 12%, penalizzato soprattutto dal rincaro delle materie prime e dai pesanti costi di ristrutturazione. Pur apprezzando la decisione del gruppo di rifocalizzarsi sui marchi chiave in questi tempi di crisi, va ammesso che si tratta di una politica onerosa (+13% le spese di marketing). Al centro dell’attenzione, comunque, ci sono soprattutto i dubbi sulla capacità del gruppo di concludere l’acquisizione di Anheuser-Busch, annunciata quest’estate. L’aumento di capitale, indispensabile per finanziare una parte dell’operazione, è stato rimandato. Anche se per il momento il gruppo ha indicato di avere ancora la fiducia delle banche, se a breve termine le sue prospettive di redditività e solvibilità dovessero deteriorarsi, ciò potrebbe spingere le banche a non lanciarsi in quest’avventura, decretando la fine ai suoi piani di acquisizione. Per ora non è lo scenario più probabile, ma va comunque sottolineato che quest’acquisizione è indispensabile per rilanciare la crescita degli utili di InBev.

condividi questo articolo