Analisi
STMicroelectronics 9 anni fa - venerdì 5 dicembre 2008
Lancia un allarme sui risultati

Lancia un allarme sui risultati

Prezzo al momento dell'analisi (4/12/08): 4,89 EUR

Alla fine anche STMicroelectronics, seguendo le orme dei concorrenti, riduce nettamente le previsioni per il quarto trimestre e anche i prossimi mesi non lasciano ben sperare. Il titolo è però correttamente valutato.
>Mantenere

STMicroelectronics (STM.PA) ha annunciato che nel quarto trimestre dell’anno il fatturato diminuirà del 16% (e non del 4% come inizialmente previsto) rispetto al trimestre precedente. Una notizia negativa che non rappresenta però una sorpresa. È infatti in linea con la tendenza di tutti i produttori di semiconduttori di ridurre gli obiettivi in seguito al forte calo della domanda da parte dei loro clienti (settore auto, telefonia mobile, informatica) che, di fronte alla contrazione dell’attività e al perdurare della crisi, devono ridurre nettamente le scorte. STM fermerà quindi temporaneamente alcune fabbriche e i costi legati a questa misura peseranno molto sulla redditività. Il gruppo beneficerà, però, del recupero del dollaro Usa sull’euro, che rafforzerà la sua competitività. Competitività già migliorata grazie a due importanti operazioni strategiche, che gli hanno fatto superare gli inconvenienti legati alle sue dimensioni limitate: la creazione di una società in comune con NXP e Ericsson nei chip per cellulari e il raggruppamento delle sue attività memorie (in perdita) con quelle di Intel. Stimiamo una perdita di 0,31 euro per azione nel 2008 e un utile di 0,16 euro per azione nel 2009.

condividi questo articolo