Analisi
Deutsche Bank 9 anni fa - lunedì 19 gennaio 2009
Quarto trimestre negativo

Quarto trimestre negativo

Prezzo al momento dell'analisi (16/01/09): 19,76 EUR

I primi dati resi noti da Deutsche Bank per il quarto trimestre 2008 sono molto negativi e rilanciano le voci su un possibile aumento di capitale . Nonostante il calo del titolo non è affatto il caso di acquistarlo.
>Mantenere

Seppur non brillanti, fin dall’inizio della crisi finanziaria i risultati di Deutsche Bank (DBKGn.DE) si erano dimostrati migliori di quelli dei concorrenti. Le perdite per il quarto trimestre arrivano quindi come un fulmine a ciel sereno, smentendo il gruppo che vantava la sua capacità di resistenza. I contraccolpi della volatilità dei mercati sui settori negoziazione titoli e credit default swaps (assicurazioni contro i mancati rimborsi, vedi Soldi Sette n° 809), gli accantonamenti per i monoline (obbligazioni per coprire i crediti a rischio) e una perdita nella gestione di fondi hanno fatto subire al gruppo una perdita di 10 euro per azione, più grave delle attese. È vero che grazie a delle cessioni la solidità del gruppo dovrebbe rimanere elevata (annunciato un rapporto capitale/rischi del 10% per fine 2008), ma non è detto che la necessità di ridurre ancora l’esposizione alle attività a rischio non metta sotto pressione le finanze del gruppo, obbligandolo a chiedere aiuto allo Stato. In attesa dei risultati definitivi (previsti per febbraio), stimiamo per il 2008 una perdita di 8 euro per azione e un dividendo di 0,5 euro (4,5 euro nel 2007). Abbassiamo le stime sull’utile 2009 da 5,7 a 3 euro per azione.

condividi questo articolo