Analisi
Iberdrola 9 anni fa - lunedì 19 gennaio 2009
Fondamenta solide

Fondamenta solide

Prezzo al momento dell'analisi (16/01/09): 5,93 EUR

La buona diversificazione geografica, delle attività con un potenziale promettente e una discreta salute finanziaria dovrebbero consentire a Iberdrola di crescere più del settore. Titolo correttamente valutato.
>Mantenere

Anche se il titolo non è scampato al crollo delle Borse, Iberdrola (IBE.MC1) ha innegabili punti di forza. Innanzitutto è sempre più diversificata: realizza il 42% degli utili industriali in Spagna, il 25% nel Regno Unito e l’11% in America Latina. Inoltre, il 15% del fatturato deriva dalle energie rinnovabili e il restante 7% da attività come l’immobiliare o l’ingegneria. L’incorporazione dell’americana Energy East aumenterà ancora di più questa sana diversificazione, che rappresenta uno scudo di fronte a incertezze come quelle legata alla revisione delle tariffe elettriche in Spagna o all’andamento dei consumi di elettricità in seguito alla crisi economica. Va però detto che l’euro forte rispetto a valute come la sterlina (-24% rispetto all’euro nel 2008) la penalizza un po’ sgonfiando i risultati realizzati nel Regno Unito. La presenza nelle energie rinnovabili (controlla all’80% Iberdrola Renovables, uno dei leader mondiali del settore) e in Paesi con crescenti bisogni di elettricità le dovrebbe però consentire di crescere più del settore nei prossimi anni. Infine, le finanze sono abbastanza solide e il dividendo è generoso (intorno al 5,5% il rendimento lordo ai prezzi attuali).

condividi questo articolo