Analisi
Mobistar 9 anni fa - venerdì 6 febbraio 2009
Prospettive in peggioramento

Prospettive in peggioramento

Prezzo al momento dell'analisi (05/02/2009): 53 euro

Nel 2008 la belga Mobistar ha superato di gran lunga i suoi (prudenti) obiettivi, ma il futuro si annuncia meno brillante. Ai prezzi attuali, l’azione è cara.
> Vendere

Nel 2008 Mobistar (MSTAR.BR) ha ampliato la clientela del 7,1%, grazie all’acquisizione della lussemburghese VOXmobile e ai contratti con operatori che non hanno una rete propria. Nonostante gli imposti cali delle tariffe, il fatturato ha guadagnato l’1,5% grazie all’aumento delle vendite di cellulari (successo dell’iPhone) e del traffico di dati. Gli utili sono scesi del 3,4%, ma considerato per ogni singola azione il calo si limita allo 0,9% (4,54 euro) grazie agli acquisti di azioni proprie (meno azioni in circolazione). Dopo aver ricevuto ad agosto un rimborso di capitale di 4 euro per azione, gli azionisti riceveranno a maggio un dividendo ordinario (2,175 euro) e in agosto un dividendo straordinario (1,2375 euro). Per i prossimi anni le prospettive sono però meno allettanti. Sono infatti attesi nuovi cali delle tariffe di interconnessione tra operatori e di quelle per le chiamate internazionale (anche per gli sms da luglio 2009); non sono previsti acquisti di azioni proprie e nel 2010 Mobistar dovrà sborsare 41 milioni di euro per prolungare la sua licenza fino a metà 2013. Per il 2009 il gruppo conta su un fatturato stabile e su un calo degli utili tra il 7 e il 14%. Noi riduciamo le stime sull’utile per azione da 4,57 a 4,17 euro per il 2009 e da 4,60 a 4,20 euro per il 2010.

condividi questo articolo