Analisi
Fortis 9 anni fa - venerdì 20 marzo 2009
Situazione ancora in evoluzione

Situazione ancora in evoluzione

Prezzo al momento dell'analisi (19/03/2009): 1,39 euro

Sempre ammesso che l’ultimo accordo sulla vendita delle attività bancarie belghe venga approvato dagli azionisti, Fortis diventerà un assicuratore con delle liquidità e un portafoglio di attivi tossici. I miglioramenti rispetto al piano respinto dagli azionisti sono minimi, ma Fortis avrà un po’ più di liquidità e un profilo un po’ meno rischioso.
> Mantenere

Se in aprile gli azionisti di Fortis (FOR.BR) approveranno l’ultimo accordo raggiunto con BNP Paribas, la holding Fortis si comporrà di diversi elementi. Il primo è il 75% delle attività assicurazioni belghe e il 100% delle attività assicurazioni internazionali (Olanda esclusa). Il secondo è una tesoreria netta di 1,36 euro per azione, gonfiata dalla vendita del 25% delle assicurazioni belghe a Fortis Banque Belgique. Ci sarà poi un’esposizione agli attivi tossici e infine un’opzione call sulle azioni BNP Paribas a un prezzo di esercizio di 68 euro. Un insieme di attività che, nel loro complesso, potrebbero anche arrivare a valere oltre 2 euro per azione, ma che potrebbero anche ridursi fino a 0,35 euro per azione in seguito all’emissione bond convertibili destinati a rafforzare il capitale nei prossimi anni. Un contributo positivo potrebbe invece arrivare dall’eventuale rinegoziazione dell’accordo sulle attività olandesi, che ha fatto subire danni importanti al gruppo.

condividi questo articolo