Analisi
Prudential 8 anni fa - giovedì 19 marzo 2009
Risultati annuali di buona qualità

Risultati annuali di buona qualità

Prezzo al momento dell'analisi (18/03/2009): 251,75 pence

I risultati pubblicati per l’esercizio 2008 ci hanno rassicurato sulla solidità del gruppo. Prudential non è tuttavia al riparo da possibili imprevisti. Anche se l’azione è conveniente non è da acquistare.
> Mantenere

La volatilità dei mercati nel secondo semestre ha pesato molto sui risultati di Prudential (PRU.L), che ha chiuso l’anno con una perdita di 16 pence per azione; i risultati 2008 ci sembrano comunque di buona fattura. Nonostante il difficile contesto economico, il fatturato è cresciuto del 5% e il risultato operativo del 16% (+7% nel primo semestre), superando nettamente le nostre attese prudenziali grazie al dinamismo dei mercati asiatici (50% delle nuove polizze incassate da Prudential). Un risultato che però, visto l’aggravarsi della crisi, non dovrebbe ripetersi nel 2009. Il gruppo ha comunque rassicurato gli investitori annunciando che a metà marzo le sue riserve di capitali erano pari a 1,7 miliardi di sterline (stabili rispetto al 2008) e dovrebbero rafforzarsi grazie alle cessioni di attività a Taiwan. Un’operazione, quest’ultima, che mira a migliorare la sua redditività in questa regione, che rappresenta il principale punto di forza del gruppo e che, malgrado la crisi attuale, mantiene un grosso potenziale nelle assicurazioni vita (classe media in forte sviluppo). Il gruppo ha tuttavia rinunciato ad acquistare attività di AIG in Asia a causa del prezzo troppo elevato.

condividi questo articolo