Analisi
AstraZeneca 9 anni fa - lunedì 25 maggio 2009
Studio favorevole a un suo farmaco

Studio favorevole a un suo farmaco

Prezzo al momento dell'analisi (22/05/09): 2.623 pence

I risultati di uno studio sul farmaco Brilinta sono promettenti. Una buona notizia, considerato che il portafoglio di prodotti in sviluppo del gruppo è un po’ debole. Ai prezzi attuali l’azione rimane conveniente.
>Acquistare

Secondo uno studio i cui dettagli saranno pubblicati a agosto, il farmaco Brilinta di AstraZeneca (AZN.L) sarebbe più efficace contro la trombosi del Plavix di Aventis, che controlla una buona quota di mercato. La concorrenza sarà, quindi, agguerrita e non bisogna dimenticare che in Europa sono presenti sul mercato anche i generici del Plavix (attesi nel 2010 anche negli Usa) e il Prasugrel di Eli Lilly (in via di approvazione anche negli Usa). È vero che il gruppo, oltre al Brilinta, potrà contare su altre tre molecole per sostenere le vendite – l’Onglyza (contro il diabete) e gli anti-tumorali Zactima e Recentin – ma non è detto che tutto ciò basti a compensare l’impatto sul giro d’affari della forte concorrenza dei generici, tanto più che il contributo della controllata MedImmune (acquisita nel 2007) resta finora trascurabile (solo il 4% delle vendite totali del gruppo nel 2008). I conti del primo trimestre hanno comunque superato le attese grazie ai buoni risultati del Toprol XL (contro l’ipertensione; +59%) e del Creston (contro il colesterolo; +35%) e ai tagli ai costi. Per queste ragioni alziamo le stime sull’utile per azione da 328 a 346 pence per il 2009 e da 338 a 356 pence per il 2010.

condividi questo articolo