Analisi
In breve 8 anni fa - lunedì 22 giugno 2009
Ecco tutte le altre notizie importanti della settimana per le società della nostra selezione.

Variazioni settimanali su prezzi al 19/06/09

EDISON (1,02 euro, +6%)
Insieme alla ceca Cez e all’americana Aes si è prequalificata per la gara bandita da Cracovia Energy Complex per acquisire la maggioranza di una nuova centrale che sorgerà a Isalnita, in Romania. Mantenere.

ENI (17,48 euro, -3,1%)
Vista la buona accoglienza del mercato ha ampliato a 2 miliardi di euro l’ammontare delle obbligazioni in emissione (vedi Soldi Sette n° 841). Ciò nonostante, la richiesta è più elevata della domanda: l’offerta è stata chiusa in anticipo e i bond saranno assegnati tramite riparto. Acquistare.

FIAT (6,94 euro, -11,7%)
Le immatricolazioni di auto in Europa sono calate a maggio per il tredicesimo mese consecutivo (-4,9% annuo). Fiat ha registrato un aumento del 2%, e la sua quota di mercato è salita al 9,2% contro l’8,5% di maggio 2008. Arrivano intanto nuovi capitali: Fiat ha siglato il contratto per un finanziamento da 400 milioni di euro approvato dalla Bei (Banca europea per gli investimenti) a marzo. Mantenere.

FINMECCANICA (9,83 euro, +4,3%)
La controllata AgustaWestland si è aggiudicata nuovi contratti del valore di 150 milioni di euro. La controllata americana Drs Technologies ha invece raggiunto nei primi 5 mesi 2009 ordini per 2 miliardi di dollari, contro un obiettivo di 2,5 miliardi per l’intero anno. Nuovi ordini, infine, anche per Atr (società in comune tra Eads e Finmeccanica) provenienti sia dalla spagnola Air Nostrum (10 aerei) sia dalla Royal Air Maroc (6 aerei). Mantenere.

GENRALI (14,56 euro, -8,3%)
Ha lanciato Genertellife, la prima compagnia vita e previdenza online in Italia. Mantenere.

MONTE PASCHI (1,08 euro, -9,2%)
Ha lanciato delle iniziative a sostegno delle imprese, per esempio un bonus sugli interessi alle aziende che non ridurranno il numero di occupati. Mantenere.

TELECOM ITALIA (0,94 euro, -2,8%)
Ha concluso con successo il lancio di una emissione obbligazionaria per 2 miliardi di dollari Usa; l’operazione era riservata a investitori istituzionali. Nel frattempo voci della stampa locale parlano di una possibile cessione della quota detenuta in Telecom Argentina. Acquistare.

 

condividi questo articolo