Analisi
AB Inbev 9 anni fa - venerdì 14 agosto 2009
AB Inbev sta progressivamente riducendo i suoi debiti. Ma le vendite rimangono deboli.

AB Inbev sta progressivamente riducendo i suoi debiti. Ma le vendite rimangono deboli.

Prezzo al momento dell'analisi (14 agosto 2009) 27,06 euro

AB Inbev cerca di trovare la giusta via fra rilancio dell’attività e rigore finanziario. Non è facile. Titolo troppo caro.
>Vendere

Nel secondo trimestre AB Inbev ha calato, ancora una volta, uno dei suoi migliori colpi : ridurre drasticamente i costi dopo aver integrato una società appena acquisita, in questo caso l’americana Anheuser-Busch. Il programma delle sinergie è addirittura in anticipo su quanto previsto. Nonostante i pesanti costi legati a questa operazione l’utile per azione perde appena il 10% (in euro). Questo ci permette di confermare le nostre previsioni su un utile per azione di 1,3 euro nel 2009 e 1,6 euro nel 2010. Ma in un periodo di difficoltà economica, una strategia basata sulla spesa potrebbe andare a discapito dell’attività ordinaria. Nonostante il forte aumento del Brasile, il fatturato di gruppo (a perimetro costante) è cresciuto di appena l’1,4%, mentre le vendite sono diminuite del 1,1%. Una performance più debole di quella del primo trimestre. In particolare, la riduzione, negli Stati Uniti, delle vendite di Bud Light e di Budweiser (ereditate da Anheuser-Busch) ci preoccupa. AB Inbev dovrà combattere con decisione per non perdere la posizione di n°1 in questo mercato molto redditizio. Non è un compito facile, perché la priorità di AB Inbev rimane quella di raccogliere liquidità per rimborsare l’enorme debito. Al riguardo, i dati sino ad oggi sono positivi: non vediamo grosse difficoltà nel raggiungere l’obiettivo. La cosa che ci dà fiducia per il 2010 è la prevista crescita del dividendo. Abbassiamo a 3 il livello di rischio del titolo.

condividi questo articolo