Analisi
ArcelorMittal 8 anni fa - lunedì 31 agosto 2009
Prospettive poco rassicuranti

Prospettive poco rassicuranti

Prezzo al momento dell'analisi (28/08/09): 25,70 EUR

I risultati del secondo trimestre si sono dimostrati in linea con le attese, ma le prospettive illustrate dal management ci hanno deluso portandoci a ridurre le nostre stime sull’utile. Il titolo è ora caro.
>Vendere

Il calo dei prezzi dell’acciaio e gli sforzi di ristrutturazione hanno pesato sui conti del 2° trimestre di ArcelorMittal (ISPA.AS). Il bilancio ha registrato una perdita di 0,42 euro per azione, ma il risultato è comunque allineato alle nostre stime. Deludenti, invece, le previsioni del management. La domanda d’acciaio dovrebbe aver toccato il minimo nel primo semestre – i clienti hanno ormai esaurito le scorte – ma la ripresa si annuncia più debole e lenta del previsto: il gruppo prevede solo un lieve aumento delle forniture nel corso del terzo trimestre 2009. In effetti crediamo che l’attesa ripresa della domanda sia dovuta soprattutto ai programmi di incentivi varati dai diversi Paesi (per esempio quelli sulla rottamazione per il settore auto). Piani di sostegno che sono, però, per loro natura, di durata limitata. Per questo, in tale contesto, la decisione del gruppo di riprendere la produzione in diversi impianti ci sembra affrettata e rischia di vanificare gli sforzi fatti per salvaguardare la sua redditività. Abbiamo ridotto le stime sull’utile corrente per azione da 0,34 a 0,3 euro per il 2009 e da 1,45 a 1,16 euro per il 2010. A nostro parere il titolo è ormai caro: il consiglio passa a vendere.

condividi questo articolo