Analisi
Saipem 8 anni fa - lunedì 14 dicembre 2009
Due nuovi contratti in Asia

Due nuovi contratti in Asia

Prezzo al momento dell'analisi (11/12/09): 22,13 EUR

Complice una relativa stabilità del prezzo del petrolio, Saipem nell’ultimo mese e mezzo è tornata a raccogliere ordini. Ritocchiamo al rialzo le stime di crescita, ma ai prezzi attuali il titolo resta caro.
>Vendere le ordinarie e le risparmio

L’economia non è tornata a correre, ma Saipem nell’ultimo mese mezzo è riuscita, un po’ a sorpresa, ad aggiudicarsi importanti commesse da parte di varie compagnie petrolifere. Queste ultime probabilmente sono state rassicurate da una sostanziale stabilità del prezzo del petrolio – per tutto novembre, ad esempio, quello di qualità Wti è stato intorno ai 77 dollari al barile – e sono tornate a investire. Le due commesse conquistate pochi giorni fa per progetti nel Sudest asiatico, per un importo totale pari a 450 milioni di dollari, portano il totale degli ordini acquisiti da Saipem nell’ultimo mese e mezzo a 2,5 miliardi di dollari. Per darvi un’idea dell’importanza di questa cifra pensate che si tratta di un importo pari al 35% di quanto raccolto dalla società nel corso di tutti i primi nove mesi del 2009. Si tratta di una preziosa boccata d’ossigeno per il gruppo, il cui portafoglio ordini al 30 settembre 2009 era più basso del 4% rispetto a quello al 30 settembre 2008. Alla luce di questa evoluzione positiva e di risultati del terzo trimestre che si sono dimostrati lievemente migliori delle attese, stimiamo ora un utile per azione di 1,59 euro nel 2009, 1,43 euro nel 2010 e 1,53 euro nel 2011.

condividi questo articolo