Analisi
Bank of America 8 anni fa - lunedì 25 gennaio 2010
Limita i danni nel quarto trimestre

Limita i danni nel quarto trimestre

Prezzo al momento dell'analisi (22/01/10): 14,90 USD

Bank of America riesce solo a limitare i danni nel quarto trimestre 2009, il che non soddisfa gli azionisti. In attesa che i nuovi vertici dichiarino quali sono i loro orientamenti strategici, l’azione resta cara.
>Vendere

I dividendi pagati sulle azioni privilegiate e l’uscita dal piano di aiuti pubblici hanno acuito le perdite di Bank of America (BAC.N) nel quarto trimestre 2009 (-0,6 dollari per azione). Anche senza questi elementi, però, la situazione resta preoccupante. Gli accantonamenti per coprire i mancati rimborsi dei crediti si sono stabilizzati, ma difficilmente questa tendenza potrà essere confermata. L’immobiliare commerciale resta in crisi (atteso un aumento dei mancati rimborsi), mentre la situazione nell’immobiliare residenziale è stabile. Visto che non si può parlare di vera ripresa economica, i nuovi vertici dovranno definire al più presto una strategia per rilanciare i ricavi. Con la metà dell’attività che dipende dai consumatori, il gruppo risente infatti degli alti tassi di disoccupazione, tanto più che sta venendo meno l’apporto delle attività legate ai mercati i cui ricavi nel quarto trimestre sono scesi del 40% rispetto al terzo trimestre. La nuova regolamentazione per le banche proposta in questi giorni dal governo Usa potrebbe poi limitare la sua crescita. Portiamo le stime sull’utile per azione del 2010 da 0,1 a 0,26 dollari (restituzione aiuti pubblici) e quelle del 2011 da 1 a 0,9 dollari.

condividi questo articolo