Analisi
France Télécom 8 anni fa - lunedì 3 maggio 2010
Piuttosto deludenti i dati trimestrali

Piuttosto deludenti i dati trimestrali

Prezzo al momento dell'analisi (30/4/10): 16,45 EUR

Per rilanciare la crescita il gruppo punta sull’Africa e sul Medioriente, zone però molto ambite anche dai suoi concorrenti. Il dividendo resta comunque interessante e l’azione rimane correttamente valutata.
>Mantenere

Nel primo trimestre il fatturato di France Télécom (FTE.PA) è sceso di quasi il 3% (acquisizioni e cessioni escluse) rispetto al primo trimestre 2009. L’utile industriale è sceso di circa il 5%. Presente per lo più su mercati “maturi” e sempre più regolamentati, come quello francese (50% del fatturato), il gruppo, come molti concorrenti europei, fatica a crescere. Il successo di internet sui cellulari e l’impennata dei dati che transitano sulla sua rete rendono necessari investimenti colossali e la loro redditività non è affatto assicurata. Per rilanciare la crescita France Télécom punta quindi sui Paesi emergenti, soprattutto l’Africa e il Medioriente, dove i nuovi vertici contano di raddoppiare le dimensioni del gruppo nei prossimi cinque anni. Tuttavia, le difficoltà incontrate con il socio locale in Egitto mostrano che non sarà facile rafforzarsi su questi mercati; inoltre, l’Africa e il Medioriente sono delle aree molto ambite anche dai concorrenti e le acquisizioni sono di solito difficili e costose. Il dividendo resta comunque generoso (rendimento lordo ai prezzi attuali di oltre l’8%) e manteniamo le stime sull’utile a 1,7 euro per azione per il 2010 e 1,8 euro per azione per il 2011.

condividi questo articolo