Analisi
IBM 8 anni fa - lunedì 26 luglio 2010
Risultati trimestrali tra luci e ombre

Risultati trimestrali tra luci e ombre

Prezzo al momento dell'analisi (23/07/10): 128,38 USD

IBM ha chiuso il secondo trimestre con un utile per azione in linea con le attese. I dati sul fatturato e sui contratti conclusi nella divisione “servizi” hanno, però, deluso. L’azione resta correttamente valutata.
>Mantenere

Nel secondo trimestre l’utile per azione di IBM (IBM.N) è salito del 13%. Si tratta del dodicesimo rialzo a doppia cifra negli ultimi quattordici trimestri: un segnale del fatto che il gruppo continua a beneficiare della focalizzazione sulle attività più redditizie (software e servizi alle imprese) e dei risparmi di costo. Malgrado la ripresa degli investimenti delle imprese e un 2° trimestre solido, il fatturato cresce solo del 2% sullo stesso periodo dell’anno scorso. In parte, questo risultato si spiega con sfavorevoli effetti di cambio. Ancor più deludente è il calo del 12% dei contratti nel segmento servizi (60% delle vendite), soprattutto visti i dati positivi registrati dai concorrenti Accenture e Infosys. Il gruppo cerca di rassicurare precisando che la conclusione di alcuni contratti è stata rinviata al 3° trimestre e alza leggermente l’obiettivo sull’utile del 2010. Nel segmento materiali informatici (16% del fatturato) le vendite dovrebbero, infatti, accelerare (prossimo lancio di nuovi server). Dato che gli acquisti di azioni proprie continuano a ritmi superiori alle previsioni, alziamo le stime sull’utile per azione a 11,3 dollari per il 2010 e a 12,1 dollari per il 2011. Titolo correttamente valutato.

condividi questo articolo