Analisi
GDF Suez: investitori eccessivamente pessimisti? 7 anni fa - lunedì 7 marzo 2011
I risultati 2010 sono deludenti per la debolezza dei prezzi del gas; anche il 2011 si annuncia mediocre, prima di una netta ripresa nel 2012.
Prezzo al momento dell’analisi (04/03/2011): 27,93 euro
I risultati 2010 sono deludenti per la debolezza dei prezzi del gas; anche il 2011 si annuncia mediocre, prima di una netta ripresa nel 2012. L’azione, che è conveniente, è stata però troppo sanzionata dai mercati.
> Acquistare
Nel 2010 i risultati di GDF Suez (GSZ.PA) hanno registrato un timido progresso del 3% (2,08 euro per azione). L’impennata dei prezzi del petrolio nel 2010 non ha orientato al rialzo anche quelli del gas, che sono rimasti stabili (o anche in leggero calo). Tuttavia, i contratti di approvvigionamento a lungo termine conclusi con i fornitori tradizionali (Russia, Algeria…), sono indicizzati sul prezzo del petrolio e hanno quindi messo sotto pressione i margini del gruppo. Anche se stimiamo un movimento di recupero dei prezzi del gas solo nel 2012, le tensioni geopolitiche attuali (petrolio meno accessibile e più caro) potrebbero risvegliare l’interesse per il gas più rapidamente del previsto. Nell’attesa, il gruppo deve far fronte a oneri finanziari in netta crescita (debito aumentato in seguito all’acquisizione di International Power) che si riassorbiranno solo nel tempo. Oneri, tuttavia, che, già a medio termine, verranno secondo noi compensati dalle attese sinergie con International Power e dall’attesa crescita nei Paesi emergenti (Indonesia, Pakistan). Riduciamo le stime sull’utile per azione da 2,7 a 2,4 euro per il 2011, ma le manteniamo a 2,94 euro per il 2012.

condividi questo articolo