Analisi
Agfa-Gevaert: risultati trimestrali confortanti 7 anni fa - lunedì 16 maggio 2011
Gli aumenti dei prezzi di vendita avranno effetti sul bilancio solo nel 2° semestre.
Prezzo al momento dell'analisi (13/05/11): 3,50 EUR
Gli aumenti dei prezzi di vendita avranno effetti sul bilancio solo nel 2° semestre, ma Agfa ha già compensato in altro modo una parte dei rincari delle materie prime. Ai prezzi attuali l’azione rimane conveniente.
>Acquistare
Nel primo trimestre le attività grafiche (52% del fatturato) di Agfa-Gevaert (AGFB.BR) non si sono comportate in modo brillante, ma il fatturato complessivo del gruppo è comunque cresciuto del 10,8% rispetto allo stesso periodo del 2010 (+8,8% senza effetti di cambio). L’utile industriale è sceso del 24,5%: all’apparenza un dato negativo, ma è un risultato migliore rispetto alle previsioni (-35%) considerando che sullo stesso periodo i prezzi delle materie prime (argento) sono saliti in media del 67%. Senza attendere gli effetti degli annunciati aumenti dei prezzi di vendita, Agfa ha infatti già compensato per metà il rincaro dell’argento con ristrutturazioni e sinergie – nelle nostre stime abbiamo sempre considerato che i 2/3 degli aumenti non sarebbero stati compensati. Se Agfa continuerà a contenere i costi, tenendo anche conto della recente frenata dei prezzi dell’argento, secondo noi potrà chiudere il 2011 in attivo, tanto che la nostra stima di un utile di 0,11 euro per azione per il 2011 (oneri di ristrutturazione esclusi) potrebbe rivelarsi prudente. Il titolo conserva, inoltre, indicatori di convenienza soddisfacenti (rapporto tra prezzo e valore contabile pari a 0,57).

condividi questo articolo