Analisi
Novartis: strategia vincente 7 anni fa - lunedì 25 luglio 2011
I solidi risultati del secondo trimestre dell’anno confermano la bontà della strategia di Novartis.
Prezzo al momento dell'analisi (22/07/11): 50,60 CHF
I solidi risultati del secondo trimestre dell’anno confermano la bontà della strategia di Novartis. Ritocchiamo le stime solo per tenere conto della forza del franco svizzero, ma, secondo noi, l’azione è conveniente.
>Acquistare
Nonostante la concorrenza dei farmaci generici sul Femara, il calo dei prezzi di vendita e il venir meno del contributo dei vaccini contro l’influenza A, Novartis (NOVN.VX) ha chiuso il secondo trimestre con una crescita del fatturato del 19% (effetti di cambio esclusi) e dell’utile industriale del 12% rispetto allo stesso periodo del 2010. Sono risultati superiori alle attese, determinati soprattutto dalla produttività delle attività di ricerca. Nell’ambito dei prodotti su prescrizione, le vendite dei nuovi farmaci sono aumentate del 34%. Una tendenza che dovrebbe continuare, vista l’autorizzazione ottenuta nel secondo trimestre per altre 4 nuove molecole, permettendo a Novartis di affrontare la perdita, a fine 2012, del brevetto Usa del suo farmaco chiave Diovan. Il gruppo beneficia, inoltre, del dinamismo di Sandoz (generici), Alcon (oftalmologia) e dei prodotti da banco, le cui vendite sono cresciute rispettivamente del 16%, 6% e 5%. L’utile per azione è sceso a 0,98 franchi svizzeri (-17%) per effetto della forza della valuta (il bilancio viene redatto in dollari). Solo per motivi legati al cambio, riduciamo le stime sull’utile per azione da 4,25 a 4 franchi nel 2011 e da 4,50 a 4,15 franchi nel 2012.

condividi questo articolo