Analisi
Kraft Foods: tutto va bene... o quasi 6 anni fa - lunedì 7 novembre 2011
La buona tenuta del risultato trimestrale rafforza i nostri dubbi sull’interesse del progetto di scissione.
Prezzo al momento dell’analisi (04/11/2011): 35,18 USD
La buona tenuta del risultato trimestrale rafforza i nostri dubbi sull’interesse del progetto di scissione. L’azione è correttamente valutata.
> Mantenere
Nel terzo trimestre il fatturato di Kraft Foods (KFT.N) ha realizzato una crescita interna dell’8,4%, grazie soprattutto agli aumenti applicati sui prezzi di vendita per compensare il rincaro delle materie prime. Questa politica dà buoni frutti: il margine industriale (rapporto tra utili industriali e fatturato) non diminuisce malgrado il contesto difficile (concorrenza dei marchi propri dei distributori, consumi cauti), mentre l’utile per azione sale del 21% a 0,52 dollari. Il management conferma, inoltre, di voler scindere le sue attività in due società distinte, per creare, secondo lui, più valore per gli azionisti. Noi dubitiamo però della fondatezza di questa operazione. Come potranno, infatti, due entità più piccole essere meglio piazzate di Kraft nella sua configurazione attuale per affrontare il rincaro delle materie prime (continuerà nel 2012) e la crescente vigilanza sui consumi? Ci sembra, al contrario, che proprio le grandi dimensioni permettano a Kraft di affrontare più facilmente queste sfide grazie alle economie di scala.

condividi questo articolo