Analisi
Telecom Italia: sotto pressione per Telco e dividendi 6 anni fa - venerdì 27 gennaio 2012
Le notizie di questi giorni (da un lato la questione del rifinanziamento di Telco, dall’altro il possibile taglio ai dividendi) rendono nervosi i mercati.
Prezzo al momento dell'analisi (26/01/12): 0,79 EUR
Le notizie di questi giorni (da un lato la questione del rifinanziamento di Telco, dall’altro il possibile taglio ai dividendi) rendono nervosi i mercati. Ma ai prezzi attuali, il titolo già tiene ampiamente conto di questi elementi.
>Acquistare sia le ordinarie sia le rnc
Secondo alcune voci, il management di Telecom taglierà i dividendi. Da 1,2 miliardi di euro del 2010 (5,8 centesimi per azione), la remunerazione dovrebbe scendere a 900 milioni di euro (4,3 centesimi per azione), per non aggravare l’indebitamento tornato ad aumentare dopo gli investimenti per le frequenze e in Argentina. La notizia non giunge inattesa, anzi nelle nostre stime prevediamo un dividendo ancora più basso (3 centesimi). Ma è un ulteriore ostacolo per la controllante Telco, che vede ridursi gli incassi proprio nell’anno in cui scadono 3,4 miliardi dei suoi debiti. Se il pagamento del bond da 1,3 miliardi è procrastinabile al 2013, i debiti bancari per 2,1 miliardi sono un problema più urgente, tanto più che le banche hanno ormai in pegno l’intero pacchetto di azioni Telecom di proprietà di Telco. Si fa quindi strada l’ipotesi di un nuovo bond emesso da Telco e sottoscritto dai suoi azionisti (Telefonica, Intesa, Mediobanca e Generali). I delicati equilibri finanziari del gruppo stanno tenendo sotto pressione il titolo Telecom. Considerate tuttavia le prospettive del gruppo (utili per azione di 0,02 euro nel 2011 e 0,16 nel 2012 e 2013) l’azione è eccessivamente penalizzata.

condividi questo articolo