Analisi
ArcelorMittal: +45% in quattro mesi e mezzo 6 anni fa - venerdì 10 febbraio 2012
Dal nostro consiglio di acquisto a fine settembre il titolo è salito del 45%.
Prezzo al momento dell'analisi (9/2/2012): 17,52 euro
Dal nostro consiglio di acquisto a fine settembre il titolo è salito del 45%. Viste le incertezze sull’andamento della domanda europea la prudenza si impone. Secondo noi, ai prezzi attuali il titolo è correttamente valutato.
>Mantenere
 
A causa di una maggiore pressione fiscale e di un calo dei volumi di vendita e dei prezzi dell’acciaio, Arcelor Mittal (ISPA.AS) ha chiuso male il 2011: l’utile industriale (2,37 euro per azione) e l’utile corrente (0,84 euro per azione) si sono attestati su valori inferiori alle attese. Nel quarto trimestre il gruppo ha abbandonato il progetto di acquisire una parte di Macarthur Coal e ha registrato una diminuzione del 10% nell’indebitamento. D’ora in poi, tuttavia, non potrà più contare, come nel quarto trimestre 2011, su flussi straordinari di tesoreria. Seppur in anticipo di sei mesi sugli obiettivi di riduzione del debito, dovrà quindi tirare la cinghia; per recuperare liquidità potrebbe cedere attività non strategiche. I vertici restano, comunque, ottimisti e prevedono una crescita della domanda di acciaio tra il 4,5% e il 5% nel 2012. Noi siamo più scettici. Gli sforzi fatti per ridurre la capacità produttiva nel settore dovrebbero sostenere i prezzi, ma la crisi del debito in Europa (pesa per circa il 50% delle vendite) accresce l’incertezza sull’andamento della domanda. Stimiamo un utile per azione di 1,55 euro nel 2012 e 2,65 euro nel 2013. Il consiglio passa da acquistare a mantenere.

condividi questo articolo