Analisi
Mediobanca: le svalutazioni pesano sul semestre 6 anni fa - lunedì 27 febbraio 2012
Il gruppo chiude il primo semestre 2011/2012 con un utile in netto calo a causa della svalutazione dei titoli in portafoglio.
Prezzo al momento dell'analisi (24/02/12): 4,97 EUR
Nonostante un aumento dei ricavi da interesse, il gruppo chiude il primo semestre 2011/2012 con un utile in netto calo a causa della svalutazione dei titoli in portafoglio. I risultati sono inferiori alle nostre stime.
>Vendere
Nei primi sei mesi dell’esercizio 2011/2012 (la società chiude i conti il 30 giugno) Mediobanca ha realizzato un discreto aumento dei ricavi da interesse (+4%), a cui fa però da contraltare un andamento negativo delle altre fonti di ricavo. Le commissioni, ad esempio, sono calate del 12% in seguito alla minor attività delle imprese: queste ultime rappresentano ancora una parte importante della clientela del gruppo, nonostante il buon ritmo di sviluppo della banca al dettaglio (+7% i depositi di CheBanca!). Il volume d’affari complessivo è sceso del 6%, vanificando così gli sforzi del gruppo nel contenimento dei costi (-5% le spese per il personale). A pesare sui conti, poi, sono le svalutazioni di titoli in portafoglio per 269 milioni di euro (0,31 euro per azione), di cui 114 milioni relativi a titoli di Stato greci. L’utile del semestre si attesta così a soli 0,08 euro per azione, contro gli 0,31 euro per azione del primo semestre 2010/2011. Alla luce di questi risultati, che nel complesso giudichiamo deludenti, abbassiamo le stime sull’utile per azione a 0,34 euro per il 2011/2012, 0,57 euro per il 2012/2013 e 0,59 euro per il 2013/2014. Ai prezzi attuali, il titolo resta secondo noi caro.

condividi questo articolo