Analisi
Aumento di capitale Peugeot: siamo alle solite! 6 anni fa - venerdì 9 marzo 2012
Peugeot ha annunciato le modalità dell’aumento di capitale varato nel quadro dell’alleanza siglata con General Motors. Ancora una volta, gli investitori esteri sono esclusi dall’operazione.
· Fino al 21 marzo gli azionisti di Peugeot (PEUP.PA; 11,93 euro) potranno acquistare 16 nuove azioni ogni 31 vecchie al prezzo di 8,27 euro ciascuna. Abbiamo detto “gli azionisti”, ma sarebbe meglio dire “gli azionisti francesi”: l’aumento di capitale, che tra l’altro giudichiamo interessante visto che l’azione è conveniente, è precluso agli investitori esteri se non professionisti. Una situazione che purtroppo si ripete spesso. La mancata autorizzazione del prospetto da parte delle autorità dei diversi Paesi (nel caso italiano, la Consob) impedisce ai piccoli investitori di approfittare di operazioni potenzialmente redditizie.
· Cosa fare, quindi? Avete due possibilità. La prima è di insistere con la vostra banca perché, agendo a suo nome ma per vostro conto, partecipi all’aumento di capitale. Nel caso in cui la banca non fosse disposta a farlo, vendete i diritti di opzione (avete tempo fino al 21 marzo) e con il ricavato acquistate in Borsa azioni Peugeot.
· Supponiamo che abbiate 100 azioni Peugeot, per un valore di circa 1.180 euro. Vendendo i 100 diritti di opzione ottenete circa 175 euro (ogni diritto vale oggi 1,75 euro), con il quale potete acquistare 15 azioni. La doppia compravendita vi comporta delle spese che, aderendo all’aumento, avreste risparmiato (considerando commissioni di compravendita pari all’1% sulle due transazioni da 175 euro, sono di circa 3,5 euro), ma lasciar scadere i diritti senza venderli vi costerebbe molto di più.

condividi questo articolo