Analisi
GDF Suez: punta sui Paesi emergenti 6 anni fa - venerdì 27 aprile 2012
I risultati trimestrali sono buoni, anche se restano in linea con le nostre attese.
Prezzo al momento dell'analisi (26/4/2012): 17,67 euro
I risultati trimestrali sono buoni, anche se restano in linea con le nostre attese. Secondo noi il potenziale di crescita del gruppo, grazie soprattutto alla controllata IP, resta sottostimato. L’azione è conveniente.
>Acquistare
Il titolo GDF Suez (GSZ.PA) soffre per i crescenti obblighi ambientali, fiscali e normativi in Europa, nonché per il peggioramento del mercato del gas. I vari piani lacrime e sangue in Europa non invitano, inoltre, all’ottimismo. GDF Suez può tuttavia contare sulla controllata britannica International Power (IP), leader nella produzione di elettricità in Sud America, in Medio Oriente e in Asia. Non per nulla, da quest’anno, il gruppo conta di riservare a queste regioni, che offrono un forte potenziale di crescita, il 50% degli investimenti (finora è stato il 30%). È una strategia aggressiva, ma promettente; non si può tuttavia escludere uno sforamento del debito, anche se temporaneo. Per raccogliere i 7 miliardi di euro necessari per completare l’acquisizione di International Power prevede, infatti, cessioni solo per 3 miliardi. Per quest’anno il dividendo dovrebbe, comunque, restare stabile rispetto al 2010 a 1,50 euro per azione (rendimento lordo di oltre l’8%). I risultati del primo trimestre sono stati positivi grazie all’ondata straordinaria di freddo che ha fatto aumentare i consumi d’energia. Manteniamo le stime sull’utile per azione a 2,11 euro per il 2012 e a 2,36 euro per il 2013.

condividi questo articolo