Analisi
Agfa-Gevaert: risultati trimestrali deludenti 6 anni fa - lunedì 14 maggio 2012
Dopo i conti trimestrali ci aspettiamo che anche il 2012 si chiuda in perdita.
Prezzo al momento dell'analisi (11/05/12): 1,35 EUR
Dopo i conti trimestrali ci aspettiamo che anche il 2012 si chiuda in perdita. Il mercato valuta la società meno del 25% del suo valore contabile: per questo motivo il titolo è secondo noi conveniente, anche se rischioso.
>Acquistare
Nel primo trimestre Agfa-Gevaert (AGFB.BR) ha registrato una perdita tre volte più grande delle attese, ma le vendite sono rimaste stabili confermando che l’attività riesce comunque a reggere. In particolare le attività grafiche, seppursensibili alla congiuntura, si sono ben comportate (+2,6%). La loro redditività, però, soffre per i prezzi elevati delle materie prime, soprattutto l’argento, i cui costi, secondo le nostre stime, sono saliti del 20% per Agfa. Visto, però, che il prezzo dell’argento è orientato al ribasso, le pressioni sui margini di guadagno si dovrebbero allentare nei prossimi mesi. Stimiamo ancora per il 2012 un margine industriale (rapporto tra utili industriali e fatturato) in salita al 7,6% (5,9% nel primo trimestre 2012 e 7,2% nel 2011), ma questo rischia di non bastare a mantenere il risultato finale in attivo, a causa non solo degli oneri di ristrutturazione più elevati del previsto, ma anche delle svalutazioni sulle obbligazioni greche e dei maggiori costi per i piani pensionistici dei dipendenti. In 3 anni, comunque, Agfa crede di poter registrare un margine industriale a 2 cifre. E se il margine industriale raggiungesse il 10%, l’utile per azione salirebbe a 0,35 euro.

condividi questo articolo