Analisi
Monte Paschi: inchiesta sul caso Antonveneta 6 anni fa - mercoledì 9 maggio 2012
La Guardia di Finanza ha disposto una serie di perquisizioni in merito all’acquisizione di Banca Antonveneta. Quali conseguenze per il titolo?
La Guardia di Finanza ha disposto una serie di perquisizioni in merito all’acquisizione di Banca Antonveneta. Quali conseguenze per il titolo?
 
Proprio nella giornata in cui la fondazione Monte Paschi vede qualche schiarita sul fronte dei debiti (è stato sostanzialmente raggiunto un accordo con le banche finanziatrici sul ribilanciamento del debito), il che avrebbe dovuto portare un po’ di serenità anche alla banca controllata, sul titolo Monte Paschi si abbatte un’altra “tegola”.
La Guardia di Finanza ha infatti disposto una serie di perquisizioni presso le sedi della banca, della fondazione, del comune e della provincia, nonché di altre istituzioni finanziarie, per indagare su quanto successo nel 2007 in merito all’acquisizione di Banca Antonveneta.
Un’acquisizione che il gruppo senese ha già pagato caro dal punto di vista economico (l’acquisto, a prezzo elevato e poco prima del crollo dei mercati, ha pesato sui suoi conti) e che ora rischia di avere altre conseguenze negative dal punto di vista legale. Le ipotesi investigative sono di manipolazione del mercato (aggiotaggio) e ostacolo alle funzioni delle autorità di vigilanza.
Difficile, per ora, prevedere l’esito di queste inchieste, ma di sicuro il titolo continuerà, almeno per ora, a soffrirne. In ogni caso, al di là dei problemi legali, il gruppo non naviga certo in acque tranquille: la crisi economica sta mettendo a dura prova il gruppo, che per redditività e solidità patrimoniale non è certo tra i migliori in Italia. In attesa di conoscere l’evoluzione delle indagini e in attesa della pubblicazione dei risultati trimestrali (15 maggio), vi ribadiamo il nostro consiglio prudenziale: limitatevi al più a mantenere queste azioni (0,25 euro alla chiusura di martedì 9 maggio, -5% a 0,24 euro alle ore 12 di mercoledì 10 gennaio).

condividi questo articolo