Analisi
Santander: la Spagna offusca i conti 6 anni fa - venerdì 27 luglio 2012
L’improvviso riconoscimento delle perdite legate al mattone in Spagna fa sprofondare il risultato semestrale. La diversificazione e la capacità di generare utili straordinari calmano però le acque.
Prezzo al momento dell’analisi (26/07/2012): 4,51 euro
L’improvviso riconoscimento delle perdite legate al mattone in Spagna fa sprofondare il risultato semestrale. La diversificazione e la capacità di generare utili straordinari calmano però le acque. L’azione resta correttamente valutata.
> Mantenere
Nel primo semestre gli utili della spagnola Santander (SAN.MC) sono scesi del 55% a 0,19 euro per azione. Dietro questo crollo c’è l’improvvisa ammissione di gran parte delle perdite legate al settore immobiliare spagnolo, finora occultate (0,21 euro per azione), che si “mangiano” le entrate straordinarie derivanti dalla vendita della controllata colombiana (0,07 euro per azione) e quasi tutti gli utili (ordinari) generati dalla banca negli ultimi tre mesi (0,15 euro per azione). Sebbene debba ancora contabilizzare nuove perdite legate al mattone (per circa 0,10 euro per azione), la banca dovrebbe riuscire a coprirne quasi la metà con la recente vendita dell’attività assicurativa. Pur non dimenticando la situazione critica delle banche spagnole, Santander, grazie alla sua diversificazione internazionale, resta una di quelle meglio posizionate per superare la crisi. La solidità delle attività sudamericane (a partire dalla brasiliana), britanniche e statunitensi dovrebbe, infatti, consentirle di superare la situazione critica in Spagna, anche se i problemi spagnoli continueranno a pesare sul titolo a breve termine. Stimiamo un utile per azione di 0,47 euro per il 2012 e 0,94 euro per il 2013.

condividi questo articolo